Le scuse e le colpe di Franco Marcenaro

franco mercenaro

A seguito della segnalazione fatta dalla nostra associazione, in merito al modulo di iscrizione proposto a coloro che volevano frequentare il seminario del maestro spirituale Franco Marcenaro a Lecco, leggiamo dal giornale locale Il Giorno le scuse firmate dallo stesso maestro.

Il modulo proposto all’atto dell’iscrizione vietava la partecipazione alle persone che facevano uso di psicofarmaci ed ai gay che non praticavano il celibato (ovvero che non si astenevano dallo loro sessualità).

Le scuse del presidente del Centro Interreligioso Mondiale sono rivolte, quindi, “a quanti le due limitazioni sopra espresse abbiano potuto al momento e involontariamente arrecare rincrescimento”.

Nello stesso comunicato riportato del giornale locale è lo stesso maestro Franco Marcenaro ad affermare che le restrizioni poste in calce al modulo di iscrizione sono espressioni di punti di vista superati da decenni (“e meno male”, diciamo noi). Ma allora come sono finiti sul modulo?

Il maestro attribuisce l’errore e la responsabilità agli organizzatori locali. Egli afferma le seguenti parole: “il corso di preparazione alla meditazione viene organizzato e tenuto a livello del Centro dell’Uomo locale di Lecco, gli addetti a tale incarico hanno involontariamente espresso punti di vista ormai superati da decenni, includendo nel loro foglio le due limitazioni di cui ho chiesto l’immediata cancellazione”.

Quindi, a parere del maestro, che assicura di non sostenere alcuna discriminazione, l’unica responsabilità è del gruppo organizzativo di Lecco, che su Facebook si chiama “Scuola della spiritualità Lecco”: questo gruppo, a detta del guru spirituale, avrebbe manomesso il modulo di iscrizione aggiungendo le due clausole incriminate. Insomma un chiaro scaricabarile neppure tanto velato.

Abbiamo provato a scrivere alla pagina Facebook per chiedere una spiegazione, ma i nostri post sono sempre stati rimossi. Imbarazzo, coda di paglia o che altro?

Certo è che non ci convincono proprio né le scuse dal maestro Franco Marcenaro né le sue imbarazzanti spiegazioni.

domenica 7 aprile “la Pizzoccherata” alla Baita Alpini Monte Medale Lecco

un momento di incontro gay e lesbico

domenica 7 aprile ore 12,30 alla Baita Alpini di Rancio LA “PIZZOCCHERATA” Anche quest’anno tornano i pranzi in compagnia di Renzo e Lucio per finanziare il carro con cui vorremmo partecipare al Pride.

Nella baita degli Alpini di Rancio, in via Quarto 2 a Lecco, l’appuntamento è  per domenica 7 aprile alle 12.30.

Il pranzo autogestito prevede: – Pizzoccheri – Costine e insalata Come d’abitudine siete invitati a portare qualcosa  per antipasto o dolce da dividere con gli altri. Quota di partecipazione 20 euro Le adesioni si raccolgono entro giovedì 4 aprile ai numeri

333 9296428 Silvio

391 7359560 Michael

348 7767090 Mauro

Non potete mancare! Vi aspettiamo

5 dicembre : cos’è la PrEP e quali aspettative abbiamo sui social?

profillassi HIV PrEP

Fare sesso è bello ma farlo protetti e sicuri lo è ancora più. Oltre all’uso del profilattico da alcuni anni è disponibile un trattamento che previene l’infezione da HIV e si chiama PrEP. Forse già lo conosci o forse potrebbe interessarti parlarne con medici esperti.

Ultimamente sono molto diffuse le chat d’incontri e tanti le frequentano. Potrebbe essere utile aprire un confronto sulle modalità di utilizzo e sulle aspettative che genarono. In una chat sembriamo apparentemente tutti uguali ma forse dietro allo schermo di un computer o di un cellulare esistono infinite differenze che forse hanno bisogno di attenzione.

Ne parliamo mercoledì 5 dicembre al circolo libero pensiero dalle 20 un’apericena in compagnia della Dott.ssa Nozza infettivologa dell’Istituto San Raffaele di Milano e del Dott. Fioni infettivologo ATS Monza Brianza.