17/05/2016 GIORNATA CONTRO OMOFOBIA A LECCO ” LA FAMIGLIA INATTESA”

“La famiglia inattesa ” è il titolo dell’incontro che si è svolto ieri sera a Lecco in occasione della giornata mondiale contro l’omofobia e la transfobia. Il tema di quest’anno ha riguardato le Famiglie Arcobaleno composte da due mamme o due papà. Conoscere queste realtà per superare pregiudizi e tanti luoghi comuni. Un grazie a Katia Sala, Federico Ferrari, Maria Elena e la sua famiglia .

13226759_10155066196204368_4424805730388121939_n 13239995_10155066196054368_7379205859773387344_n 13254434_10155066196124368_7874315955570646352_n 13267790_10155066195954368_1070933440603525712_n

12/02/2016 ATTENZIONE UNA FALSA ASSOCIAZIONE DI GENITORI CHIAMATA AGAPO

Attenzione! Attenzione! Esiste una associazione che imita il nome dell’AGEDO, la storica associazione dei genitori delle persone lgbt che da anni combatte per il riconoscimento dei diritti per i propri figli. Questa associazione si fa chiamare AGAPO acronimo di “Associazione Genitori ed Amici Persone Omosessuali” scelto volutamente per confondersi, ma nulla hanno a che fare con le nostre battaglie per i diritti e l’uguaglianza. State attenti: non sono affatto “amici” delle persone omosessuali che anzi considerano “malati da curare”. Dal loro sito contestano la definizione scientifica che l’OMS ha dato dell’omosessualità come ‘variante naturale’, sostenendo invece una visione retrograda e superata scientificamente dell’omosessualità come una devianza o una patologia eventualmente da curare, Scrivono “noi amiamo i nostri figli indipendetemente dallo loro condizione” come se fosse un male, una sciagura, un qualcosa da tollerare o sopportare, ed è per questo che la definiscono “una tendenza”. Ieri avvenire ha pubblicato una loro lettera incredibile ma il loro non è il pensiero dei genitori degli omosessuali, bensì quello di un manipolo di integralisti che sponsorizzano, tra l’altro le teorie riparative, che tanto danno hanno causato e che sono state sconfessate da tutta la scienza.

Sul loro sito c’è l’adesione al Family Day, la proposta di andare a farsi curare nella comunità del gruppo Lot, una lettera che sconfessa il ddl Cirinnà.

qui l’articolo di Avvenire