15/05/2015 PROIEZIONE FILM PRIDE E DIBATTITO

In occasione della giornata mondiale contro l’omotransfobia Renzo e Lucio e Arcilesbica XX Bergamo organizzano una serata di riflessione con  la proiezione del film PRIDE ed un dibattito con la presenza di Chiara Reali curatrice del sito ” Le cose cambiano” e Francesca Vecchioni autrice del libro ” T’innamorerai senza pensare” . coordina il dibattito Katia Sala direttrice di Teleunica. Con il patrocinio dei comuni di Lecco, Mandello del Lario e Valgreghentino.

FILM PRIDE:

Nell’estate del 1984 Margaret Thatcher è al potere e l’Unione nazionale dei minatori (NUM) è in sciopero. Al Gay Pride di Londra, un gruppo di attivisti gay e lesbiche decide di raccogliere fondi per sostenere le famiglie dei minatori in sciopero. Ma c’è un problema. L’Unione sembra imbarazzata a ricevere il loro sostegno. Ma gli attivisti non si scoraggiano. Decidono di ignorare l’Unione e andare direttamente dai minatori. Identificano un villaggio di minatori nel più profondo Galles e partono con un mini bus per fare la donazione personalmente. E così comincia la straordinaria storia di due comunità apparentemente aliene che formano una partnership sorprendente e infine trionfante.

CHIARA REALI CURA IL SITO “LE COSE CAMBIANO”

Crescere non è semplice. Molti adolescenti affrontano quotidianamente episodi di bullismo e discriminazione. In particolare gli adolescenti gay, lesbiche, bisessuali e transessuali, che spesso nascondono la propria sessualità per paura di essere isolati. Senza confrontarsi con adulti apertamente gay, non possono immaginare come sarà il loro futuro. Il progetto Le Cose Cambiano ha lo scopo di ricordare ai teenager LGBT che non sono soli, e che le cose per loro cambieranno, in positivo.

FRANCESCA VECCHIONI dal suo libero T’INNAMORERAI SENZA PENSARE

” Ho sempre voluto essere madre, ho sempre immaginato di avere una famiglia numerosa come quella in cui sono cresciuta, tante chieacchere, tanti interessi, tanti entusiasmi da condividere. Se devo essere davvero sincera non ho mai, per un solo momento della mia vita, creduto di dover rinunciare alla gioia di crescere un figlio. Di poter insegnare a lui per imparare io stessa, con amore, senza davvero aspettarmi niente di più stupèefacente che guardarlo crescere. E però per me era diverso”

 

LCC_sito isbn_mid    Nina-e-Cloe-leggono-il-libro-di-mamma-Francesca logo rel    arcilesbica

14/05/14 PROIEZIONE FILM “PRAYERS FOR BOBBY”

Seguirà dibattito con alcune testimonianze e la partecipazione di: Paolo Rigliano, psicologo e autore del libro “Gesù e l’omosessualità” Moderatore: Katia Sala, direttore editoriale di TeleUnica Basato su una storia vera, vincitore di diversi riconoscimenti e inedito in Italia, “Prayers for Bobby” è innanzitutto un film che emoziona. Forse perchè i temi trattati (le relazioni famigliari, il rapporto con la fede, i conflitti interiori) coinvolgono chi più chi meno ciascuno di noi. Forse per la magistrale interpretazione di Sigourney Weaver (“Alien”, “Avatar”), assolutamente superba in un ruolo drammatico in cui non siamo abituati a vederla. O forse, semplicemente, perchè racconta una storia vera. E’ la storia di Bobby Griffith (Ryan Kelley), un tipico bravo ragazzo, cresciuto in una famiglia religiosa, che si trova a vivere un conflitto interiore lacerante tra la propria fede e la presa d’atto di essere gay. E’ la storia di sua madre, Mary Griffith (Sigourney Weaver), che alla scoperta dell’omosessualità del figlio si rivolge alla propria religione e utilizza ogni mezzo per cercare di salvare il proprio figlio da un peccato irrimediabile. Tentativi di “curare” Bobby che risultano fallimentari e spingono il figlio verso una scelta drammatica. E’ soprattutto la storia di una ricerca da parte di una donna tenace e caparbia che – di fronte alla tragedia, di fronte ai sensi di colpa, di fronte al conflitto tra le proprie emozioni ed una fede che non le da le risposte che cerca – vuole innanzitutto “capire” e intraprende un lungo percorso che inizia dai diari scritti da Bobby e attraverso l’incontro con un sacerdote e altri genitori la porterà a diventare una delle principali voci americane nella lotta per i diritti umani perchè a nessuno possa più capitare ciò che è successo a suo figlio. Definito dalla critica e dal pubblico un film straordinario “da non perdere”, è un film commovente che parla di amore. Amore dato, negato,cercato, compreso. Amore materno e filiale. Amore per Dio.