“ECCO IL VOLTO DELL’OMOFOBIA”

Picchiato, pubblica la foto Parigi, 6 aprile

“Mi dispiace dovervi mostrare tutto ciò. Ecco il volto dell’omofobia”: preso a botte perchè gay, un olandese che vive a Parigi ha postato su Facebook la foto del suo volto tumefatto e insanguinato, accompagnato da questa didascalia.

La foto, che sta facendo il giro dei social network ed è finita sulla home page della maggior parte dei giornali on line, sta diventando in Francia il “manifesto” della lotta contro l’omofobia, in un momento in cui la protesta contro il progetto di legge per le nozze gay comincia a farsi più dura.

SOS Homophobie indica che l’associazione riceve 10 testimonianze al giorno, un numero tre volte superiore a quello degli anni precedenti. Anche l’associazione Refuge, che accoglie i giovani gay respinti dalle famiglie, comunica cifre in crescita: tra 400 e 450 chiamate al mese, contro le 150 in media del 2011 e del 2012. (tratto da Huffingtonpost.it)

Non lo sapremo mai con certezza, ma viene da pensare che questo sia anche il risultato di un clima di odio alimentato dalla campagna contro i matrimoni gay organizzata da cattolici e mussulmani francesi, uniti in un insolito sodalizio.

 

 FRANCIA: GAY PICCHIATO PUBBLICA FOTO, 'E' VOLTO OMOFOBIA'

“STESSI DIRITTI PER FRATELLI E SORELLE GAY”

“Spetta oggi alla nostra generazione portare a compimento ciò che i pionieri cominciarono. La nostra missione non sarà completa” ha detto davanti ad 800 mila persone sparse nel National Mall di Washington “sino a quando i nostri fratelli e le nostre sorelle gay non saranno trattati come gli altri davanti alla legge. Perchè se davvero siamo creati uguali, allora di sicuro l’amore che giuriamo l’uno all’altro deve essere uguale alla stessa maniera. Dobbiamo fare in modo che queste parole, questi diritti, questi valori di libertà e uguaglianza divengano realtà per ogni americano. E’ questo il compito della nostra generazione”.

Barak Obama