CARO SINDACO, MI PERMETTA… Replica di Mauro Pirovano

Oggi sul Giornale di Lecco, in prima pagina campeggia la notizia del matrimonio fra i nostri amici Juan e Franco che lo scorso 28 settembre si sono uniti a Lugano. Nel titolone sul “caso”, così è stato catalogato l’evento, compare anche un sottotitolo relativo alla posizione del sindaco di Lecco, Brivio, contario ai matrimoni gay.

Nella seconda pagina del settimanale lecchese in un intervista, Brivio afferma “Ritengo che i valori del matrimonio non possono essere estesi al di fuori delle coppie eterosessuali” ma poi si annuncia favorevole “al riconoscimento di alcuni diritti anche alle unioni di fatto “.

Mi pare che alla luce di quanto affermato dal primo cittadino del nostro capoluogo si potrebbero sviluppare alcune riflessioni.

Riguardo ai “valori”, che pare siano una prerogativa soltanto dei matrimoni tra etero, sarebbe interessante capire a quali di esse il sindaco fa riferimento. Forse il reciproco amore, oppure l’impegno a prendersi cura gli uni degli altri, o ancora il rispetto reciproco, o ancora il sostenirsi reciprocamente sul fronte economico ? Elementi certo fondamentali che però mi pare non possano dirsi bagaglio valoriale esclusivo di una coppia etero. Forse Virginio Brivio pensa che l’amore fra due persone dello stesso sesso non possano o sappiano vivere gli stessi valori? Quale altro valore minore potrebbe portare due persone gay o lesbiche a decidere di unirsi in un vincolo matrimoniale? Forse sola la passione per le belle cerimonie, per i viaggi di nozze oppure l’occasione imperdibile di arredare bene la propria casa?

Caro Sindaco, mi permetta la confidenza, i valori che costruiscono l’amore e la scelta di viverlo reciprocamente ogni giorno, non ci crederà, ma sono gli stessi anche per le coppie dello stesso sesso.

MATRIMONI GAY: ANTI-COSTITUZIONALI ?

Facciamo il punto settembre 2012 Uno tra i tanti temi di cui si sente dibattere in questi giorni riguarda l’introduzione dei matrimoni gay anche nel nostro paese. Coloro che si dicono contrari spesso adducono tra le varie motivazioni il fatto che il matrimonio tra persone dello stesso sesso sia vietato dalla nostra costituzione e quindi la sua introduzione richiederebbe una modifica della carta costituzionale. Potremmo ribattere che la costituzione non è immutabile e che la Spagna, ad esempio, ha appositamente modificato la propria costituzione, sostituendo la dicitura “marito e moglie” con il neutro “coniugi”. Oppure che la nostra costituzione non ha nemmeno bisogno di questa modifica, in quanto usa sempre e solo termini neutri e non parla mai esplicitamente di uomo e donna. Tuttavia, tralasciando le opinioni personali, che in questi giorni sono state espresse fin troppo in abbondanza, come stanno effettivamente le cose ? I matrimoni gay sono vietati dalla nostra costituzione o no ? Ecco la risposta della prof.ssa Marilisa D’Amico, ordinario di Diritto costituzionale presso l’Università degli studi di Milano. Nella nostra Costituzione non esiste alcun divieto al pieno riconoscimento del diritto degli omosessuali al matrimonio.

Secondo l’opinione della Corte Costitùuzionale non sussiste l’obbligo di quel riconoscimento, ma il legislatore sul punto è libero e una legge che riconoscesse a tutti il diritto al matrimonio sarebbe perfettamente costituzionale, visto che non può dirsi che tutto quanto non è obbligatorio è ipso facto vietato.

Ricordiamo che nel nostro paese non solo non è previsto il matrimonio, ma non esiste alcuna forma di riconoscimento giuridico per le unioni tra persone dello stesso sesso, a differenza di quanto avviene nella quasi totalità dei paesi della comunità europea.

OGGI SPOSI! (IN SVIZZERA)

Juan e Franco

celebrano la loro unione 28 settembre 2012

Juan e Franco, due amici di R&L, hanno celebrato davanti a parenti e amici la loro unione.

Lo hanno fatto nella vicina Lugano, dove ora entrambi risiedono. Pochi chilometri di distanza eppure un abisso in materia di diritti civili rispetto l’arretrata Italia.

Una giornata di festa, allegra e solare in cui anche noi eravamo presenti per condividere la grande gioia dei nostri due cari amici.

Ne abbiamo approfittato per fare qualche intervista: la potrete ascoltare nella prima puntatata di “più di 104”. Di seguito invece il momento della registrazione della unione.