30/08/2016 CAOS TRASCRIZIONI DEI MATRIMONI CONTRATTI ALL’ESTERO LA DENUNCIA DI CERTI DIRITTI

( riportiamo un articolo dal sito www.gaypost.it )

Non c’è pace per le unioni civili in Italia. Nonostante la legge sia ormai pienamente efficace, il decreto ponte emanato e nessun alibi sia più possibile addurre per non celebrarle seguendo le regole, si assiste ormai quotidianamente a vere e proprie via crucis a cui sono sottoposte le coppie omosessuali in molti comuni. L’ultima denuncia arriva dall’associazione Certi Diritti e riguarda la trascrizione dei matrimoni contratti all’estero. Poco più di un adempimento amministrativo che la legge prescrive venga fatto nel modo più semplice possibile. Eppure, nei fatti, le cose vanno in tutt’altro modo.

Yuri Guaiana, segretario di Certi Diritti

“Seguendo numerose di queste coppie – si legge in una nota diffusa dall’associazione radicale – , abbiamo riscontrato che la confusione regna sovrana:

alcuni comuni vogliono il certificato di matrimonio rilasciato da meno di 6 mesi, altri accettano il certificato autenticato, legalizzato e nel caso apostillato, rilasciato oltre i 6 mesi come sarebbe giusto; alcuni comuni accettano l’estratto dell’atto di matrimonio, mentre altri no; molti comuni affermano di non avere ancora i registri e di non avere il programma per la trascrizione, mentre altri usano un registro provvisorio; alcuni comuni ritengono che i documenti vadano presentati solo al Consolato italiano del Paese dove era avvenuto il matrimonio anche se non era quello di residenza; alcuni comuni non hanno nemmeno i moduli per la presentazione dell’istanza costringendoci a consigliare alle coppie di consegnare quelli disponibili sul sito del Comune di Milano; c’ è persino qualche comune che ha detto alle coppie che si sarebbero dovute unire di nuovo civilmente, una vera e propria assurdità!”.

Una situazione ingestibile, per le coppie, che si sentono rispondere cose diverse da amministrazioni diverse, come se non ci fosse una normativa nazionale uguale per tutti. “La legge sulle unioni civili – precisa ancora Certi Diritti – dice chiaramente al comma 35 che «le disposizioni di cui ai commi da 1 a 34 acquistano efficacia a decorrere dalla data di entrata in vigore della presente legge» e quindi tutti questi ritardi e tutte queste difficoltà sono tecnicamente fuori legge. Ricordiamo inoltre che i matrimoni celebrati all’estero sono trascrivibili come unioni civili in Italia , mentre le unioni civili sottoscritte all’estero lo sono soltanto quando modificano lo stato civile delle persone che le hanno sottoscritte”.

“Nonostante le difficoltà – dichiara il segretario Yuri Guaiana -, l’Associazione Radicale Certi Diritti è riuscita a ottenere la trascrizione di vari matrimoni, tra cui alcuni contratti in Brasile e a Oporto. Ma non si può andare avanti così! Chiediamo quindi all’ANCI di intervenire per fare in modo che tutti i Comuni italiani rispettino la legge e registrino subito almeno i matrimoni tra persone dello stesso sesso contratti all’estero. Chiediamo inoltre al Governo di fare in fretta ad emanare i decreti applicativi e di fare sì che essi chiariscano in maniera definitiva il nodo delle trascrizioni senza lasciare più adito ad alcun dubbio”.

Yuri

30/08/14 CHIARA E SERENA UNA COPPIA DI LECCO OGGI SPOSE

“E’ stato un colpo di fulmine, da subito ci siamo piaciute ed innamorate, ora ci vogliamo sposare”. Sono le parole di Serena Gambin e Chiara Cavina che fra pochi giorni in Portogallo celebreranno la loro unione con il matrimonio.

Serena 29 anni originaria di Erve e Chiara 43 anni , originaria di Roma prima abitava a Bergamo , ma l’amore l’ha portata a vivere con la sua compagnia a Lecco.

Tutte e due psicologhe si sono conosciute due anni fa in un corso di formazione e da allora non si sono più lasciate, ora il 30 di agosto si sposeranno nel municipio di Porto in Portogallo. Hanno preparato già tutto, bomboniere, partecipazioni, abiti di sposa anelli nuziali e, con il loro avvocato ed un traduttore, ora sono volate in un altro Stato per vedere riconosciuto il loro amore, accompagnate dai parenti e dagli amici stretti.

Chiara e Serena si sono iscritte a febbraio al registro delle Unioni Civili al comune di Lecco ma ora si sono organizzate per questo viaggio impegnativo ma ricco di promesse: “è un passo importante per noi per tutelare il diritto a veder riconosciuto il nostro amore, anche in vista del fatto che vogliamo avere e crescere un figlio. In Italia purtroppo siamo molto arretrati, siamo al 32° posto per quanto riguarda la tutela dei diritti dei gay e delle lesbiche”.

Chiara e Serena una volta sposate all’estero sperano di poter trascrivere il loro atto di matrimonio qui in Italia “sarebbe un ulteriore passo per vedere tutelato il nostro diritto ad essere riconosciute come coppia.” Aggiungono “sia chiaro noi del matrimonio vogliamo assumerci anche i doveri” e “Siamo pronte a combattere affinché vengano superate le discriminazioni basate sull’ignoranza” .

A queste due donne determinate e coraggiose va tutta la stima della nostra associazione nell’attesa di festeggiare con loro il 7 settembre a Colico la loro unione.

Se vuoi seguire la loro avventura : http://matrimoniochiaraeserena.blogspot.it/

rido5

1969182_10201886873836806_862247272_n