20/02/2016 STEPCHILD ADOPTION SI PRONUNCIA L’ORDINE DEGLI PSICOLOGI DEL PIEMONTE

“Il vero problema nel crescere in famiglie omogenitoriali, ciò che le differenzia dalle altre famiglie, è il contesto più o meno omofobico nel quale vivono. Questo, sì, fa la differenza. Per il resto, saranno buoni genitori, pessimi genitori, come lo possiamo essere tutti.”

Questa la posizione chiara del Presidente dell’Ordine degli Psicologi del Piemonte, Alessandro Lombardo, in linea con quanto espresso nel dossier consegnato il 9 febbraio dagli psicologi italiani ai Senatori che si apprestano al voto sul DDL Cirinnà: un dossier molto accurato contenente i risultati degli studi condotti sul tema degli eventuali rischi che corrono i bambini cresciuti con genitori dello stesso sesso. In tutto oltre 70 lavori condotti dal 1972 al 2015 da diverse istituzioni ed equipe internazionali. Il dossier dimostra come non sia evidente alcuna connessione tra genere sessuale dei genitori e specifici disagi del minore.

“È innegabile che la decisione sul DDL Cirinnà sia politica. Ma è altrettanto innegabile che, una gran parte delle argomentazioni portate a favore della non approvazione del DDL – sono smentite da anni di ricerche scientifiche. Non esiste, se non nei codici culturali, un unico modello di famiglia. È chiaro quindi che il salto è culturale, del tipo di società che vogliamo e dobbiamo essere. Diventa altrimenti difficile comprendere tutto questo terrore che si è creato attorno a questo DDL”.

Kamagra vale la pena a tutti gli uomini che sono alla ricerca di un farmaco efficace che possa riportare il piacere della vita intima. Nel corso degli anni, molti alimenti Positivo-Farmaciaonline e sostanze sono state identificate come afrodisiaci naturali.

20/04/2016 LA PROCURA DI TORINO DICE SI ALLA STEPCHILD ADOPTION

Il procuratore torinese Giulio Toscano ha espresso parere favorevole all’adozione di bambini da parte di tre coppie omosessuali. In tutti e tre i casi si tratta di coppie composte da due donne in cui il bambino è figlio di una delle due. Continuiamo registrare nuove sentenze, dopo quelle del Tribunale di Roma;  che ribadiscono a livello di diritto quanto la politica ha recentemente negato in materia di Stepchild Adoption.che come sappiamo è stata sacrificata dalla legge Cirinnà.

21/03/2016 NUOVO SI DEL TRIBUNALE DI ROMA ALLA STEPCHIL ADOPTION LA PRIMA VOLTA A DUE PADRI

Il tribunale dei minorenni di Roma ha detto sì a una nuova “stepchild adoption”. La sentenza riguarda due papà: il bimbo   di uno dei due, concepito in Canada, è stato adottato dal compagno del padre. La conferma della sentenza è arrivata dal giudice Melita Cavallo, presidente, fino a gennaio scorso, del tribunale per i minori. E’ stata la stessa Cavallo a pronunciare la sentenza, l’ultima di una lunga serie, che ha riconosciuto l’adozione del figlio del partner. La giudice, che da anni si batte per i diritti dei bambini nei tribunali di Roma, Napoli e Milano, è stata la prima che, nel 2014, ha legittimato una famiglia omogenitoriale attraverso una sentenza simile a quella pronunciata a inizio anno.

Si tratta della terza sentenza favorevole alla stepchild adoption nel solo mese di marzo, cioè dopo l’approvazione al Senato della legge sulle unioni civili, che aveva però stralciato l’art. 5 del DDL  Cirinnà che prevedeva l’adozione del figlio del partner. 

Ancora una volta i Tribunali  sopperiscono alle mancate scelte del Parlamento ed applicano l’attuale legge che comunque, nell’interesse del bambino, tutela il legame affettivo.