25/09/2016 RAGAZZA LESBICA AGGREDITA DAI GENITORI DELLA COMPAGNA

Gay Pride Rally In Tel Aviv

Una gran brutta storia da registrare a Roma dove due genitori di una ragazza aggrediscono la compagna della figlia con schiaffi ed insulti nella gay street romana.

Le due donne, una minorenne e l’altra di 26 anni, erano lì in mezzo alla folla intorno alle due di notte, secondo il racconto di chi era presente alla scena. La madre della sedicenne avrebbe schiaffeggiato la fidanzata della figlia dicendole «Tu sei entrata nel nostro mondo, ora io entro nel tuo, è stato Dio che mi ha mandato qui questa sera». Subito dopo entra in azione il marito, la situazione precipita, le a dato un pugno nello stomaco e spinto la testa contro il muro, insulti, urla, tavoli rovesciati davanti a tutti.

Le ragazze sono andate via in ambulanza, i genitori accompagnati dalle forze dell’ordine arrivate quando l’aggressione era ormai in corso da tempo. La ragazza aggredita ha avuto 15 giorni di prognosi per un trauma facciale  e nasale.

Un aggressione verso la ragazza lesbica assurda che ha generato sdegno in tutta la comunità lgbt romana ed in particolare in Agedo l’associazione dei genitori di ragazzi e ragazze omosessuali e transessuali.

L’amarezza nel racconto della ragazza lesbica aggredita nel costatare che dopo l’aggressione la sua compagna ha deciso di non più frequentarla “ ci saremmo dovute vedere dopo venerdì, il giorno dell’aggressione, ma non c’è stato modo. Mi ha solo mandato un sms “ Mi auguro che sia felice. Voglio troppo bene ai miei genitori”. La sua famiglia è convinta che le stia facendo del male per questo le ha chiesto di troncare il rapporto”.

La vicenda assurda accaduta a Roma riapre il dibattito sulla necessità di un alegge contro l’omotransfobia.

24/09/2016 LA PRIMA TRASCRIZIONE A LECCO DI UN MATRIMONIO CELEBRATO ALL’ESTERO

img_6175

Oggi nel Comune di Lecco, in sala consigliare, si è celebrata la prima trascrizione di un matrimonio fra due donne stipulato due anni fa in Portogallo. Chiara e Serena di Lecco, trascrivendo il loro matrimonio,  hanno aperto di fatto il Registro delle Unioni Civili a Lecco.

Una data importante in cui i diritti delle persone gay e lesbiche, anche nel Comune di Lecco trovano applicazione. A celebrare l’Unione, con la fascia tricolore, il dottor Angelo Falbo rappresentante del l’istituzione .

L’associazione Renzo e Lucio, esprime la propria soddisfazione per questo passo importante in avanti ma rimarca il proprio impegno a continuare la battaglia per il Matrimonio egualitario. Nei prossimi giorni giorni altre Unioni Civili ed altre trascrizioni ci saranno sul nostro territorio ed accompagneremo con la nostra presenza un momento storico per tutti noi.

Chiara e Serena sono due carissime amiche ed è stato emozionante vedere riconosciuta la loro unione nella stessa sala consigliare che in passato è stato luogo di acceso dibattito sulle unioni civili e sui diritti delle persone gay e lesbiche.

img_6204

img_6165 img_6166 img_6179 img_6180 img_6181 img_6187 img_6188 img_6191 img_6203 img_6205 img_6208 14484701_10211167318526806_278899307388079993_n img_6213

01/10/2016 PRIMA UNIONE CIVILE SULLE RIVE DEL LAGO DI LECCO A BELLANO

img_6157

Dal 6 settembre 1999 ormai condividono tutto: la casa l’auto la cura dei loro cani ed ora, dopo 18 anni di convivenza, possono finalmente dare una stabilità giuridica al loro rapporto d’amore. Sono Franco e Giuseppe, da poco trasferitisi a Bellano, che il 1 ottobre celebreranno nel palazzo comunale la loro Unione Civile.

Hanno scelto di vivere a Bellano un anno fa, Giuseppe è d’origine siciliana e per lui guardare il lago è un po’ come ricordare la sua terra, in particolare dice “mi ricorda lo stretto di Messina”. Invece Franco, nato a Zurigo, ma metà bergamasco e metà bresciano è rimasto da subito colpito dalla terra lariana ed insieme hanno abbandonato Milano per venire sul nostro lago. Li unisce anche la passione per la montagna e il piacere di una vacanza in camper.

Hanno deciso di unirsi civilmente e di dare visibilità alla loro unione dopo tanti anni di vita condivisa. Lo vogliono fare insieme ai loro amici e parenti di fronte ai loro compaesani ed ai loro colleghi di lavoro che piacevolmente, e con una certa curiosità, attendono di festeggiare questa prima Unione Civile sulle sponde del lago di Lecco.

12299368_10207000246957171_387620002021772368_nimg_6155img_6158img_6154