05 PM | 17 Mag

17/05/2015 A LECCO LA BIBLIOTECA VIVENTE CONTRO L’OMOTRANSFOBIA

In occasione della Giornata Mondiale contro l’Omotransfobia Renzo e Lucio è scesa in piazza a Lecco con l’iniziativa la Biblioteca Vivente. Quattro libri giganti in piazza XX settembre hanno fatto da contorno all’iniziativa, sotto ogni libro alcune persone hanno raccontato la loro loro storia, la loro vita. Il libro del Coming out ha ospitato due giovani un gay ed una lesbica che hanno raccontato come hanno scoperto la loro realtà e quale sono state le loro azioni per farsi conoscere in famiglia, fra amici a scuola. Il libro dei genitori ha raccontato cosa accade nella vita di papà e mamma quando il loro figlio gay racconta la sua realtà. Il libro della transizione ha raccontato la realtà di persone trans che sono nate in un corpo che non sentivano il loro e per questo hanno lo hanno modificato per essere pienamente se stesse. Infine il libro delle famiglie arcobaleno, quelle fatte da due padri e due madri, ha raccontato cosa vuol dire essere famiglia.

Un esperienza entusiasmante che ha coinvolto parecchie persone che circolavano domenica in piazza e che si sono fermate ad ascoltare, a chiedere, a capire. Il modo migliore per abbattere pregiudizi e luoghi comuni.

renzo_lucio4renzo_lucio2 renzo_lucio3 (1)

Share
01 AM | 14 Mag

14/05/2015 IL NOSTRO NUOVO SPOT CONTRO OMOFOBIA

Uno spot al femminile contro l’omofobia

In occasione della Giornata Internazionale di lotta contro  l’omo-transfobia che si celebrerà il 17 maggio, le associazioni Arcilesbica XX Bergamo e  Renzo e Lucio GLBTS di Lecco in collaborazione con la Tv locale Teleunica , con il patrocinio dei comuni di Lecco, Mandello del Lario e Valgregentino, presentano lo spot “ Forse non lo sai ma anche questo è amore” .

Lo spot contro l’omofobia che abbiamo realizzato mette a tema un elemento spesso dimenticato nella comunicazione corrente e spesso censurato dall’immaginario collettivo: la presenza e la realtà del mondo femminile omosessuale.

Spesso le donne omosessuali subiscono una duplice discriminazione, sia in quanto donne sia in quanto lesbiche;  di loro si parla poco, a fatica si nominano nei dibattiti e raramente  riescono ad avere visibilità.

Partiamo semplicemente da una constatazione linguistica: in Italia si parla di diritti gay, di gay Pride, di matrimonio gay, mentre  le lesbiche sono sempre taciute, non solo nei dibattiti e non sono presenti nel vocabolario corrente.

Per assurdo anche sul fronte dell’insulto omofobo sono presenti solo termini collegati al maschile. Questa assenza è sintomo di un’identità negata, nascosta.

Da sempre la realtà femminile costruisce con fatica la sua dignità e libertà, l’immagine della donna è spesso rinchiusa dall’imposizione del genere che la lega ad una visone stereotipa di madre e custode delle mura domestiche  o,  ancor peggio, ad essere solo considerata un oggetto del desiderio.

Per questo motivo abbiamo scelto di dare voce e volti alle donne lesbiche, per ricordare la loro presenza e la loro dignità, spesso negata.

Lo spot , realizzato con la regia di Katia Sala, direttrice di Teleunica, vede come protagoniste  ragazze e donne delle nostre associazioni, che si mettono in gioco personalmente, per cercare di abbattere i luoghi comuni e sconfiggere il muro di silenzio che spesso mette in secondo piano o trascura il mondo lesbico.

Uno spot, realizzato in occasione della Giornata Mondiale contro l’omotransfobia, deve aiutare a far capire, a conoscere, perché l’omofobia è prima di tutto generata dall’ignoranza.

 

Associazioni:  Arcilesbica XX Bergamo  e Renzo e Lucio GLBTS Lecco.

Share