11 PM | 03 Nov

SABATO 9 NOVEMBRE ASSEMBLEA STRAORDINARIA ED ORDINARIA

Con la presente comunicazione viene convocata l’assemblea straordinaria ed ordinaria dell’associazione Renzo e Lucio GLBTS  Lecco per sabato 9 novembre:

in prima convocazione alle ore 17 ed in seconda convocazione alle ore 18,30 presso la saletta sotto al Circolo Libero Pensiero via Calloni 14 Lecco.

L’assemblea straordinaria è convocata in ottemperanza all’articolo 8 punto G dello Statuto “ per deliberare, in sede straordinaria, la modifica dello statuto sociale…” a causa di un necessario ed obbligatorio adeguamento dello Statuto alla nuova Legge D.LGS. 117/2017 che norma le associazioni del Terzo settore.

Assemblea straordinaria ordine del giorno:

1.      presentazione nuovi adeguamenti statutari alla legge del Terzo settore

2.      proposta di variazione dell’acronimo che accompagna la denominazione dell’associazione da Renzo e Lucio GLBTS Lecco a LGBTS+ Renzo e Lucio APS (“associazione promozione sociale “obbligatoria per legge).

3.      Votazione proposta variazione acronimo

4.      Votazione proposta nuovo Statuto

Assemblea ordinaria ordine del giorno:

1.      Illustrazione del Programma di attività per anno 2020

2.      Illustrazione preventivo economico per anno 2020 e rendiconto bilancio di esercizio 2019

3.      discussione

4.      Approvazione Programma attività per anno 2020

5.      Approvazione rendiconto economico anno 2019

6.      Approvazione preventivo economico anno 2020

Ricordiamo che è dovere di ogni soci* iscritt* partecipare all’Assemblea che è l’organo sovrano dell’Associazione ed è il luogo fondamentale di confronto atto ad assicurare una corretta gestione dell’Associazione.

Ricordiamo che è prevista la partecipazione anche attraverso delega art. 8 statuto ReL “Tutti i Soci che vi partecipano hanno il diritto di esprimere un solo voto pro-capite e possono farsi rappresentare per delega da altri soci, nel limite di una delega per ciascuno.”

Alleghiamo un modulo da compilare per ratificare la delega facendola pervenire all’assemblea brevi mano da delegato o inviandola attraverso mail all’indirizzo presidenza@renzoelucio.it

Ricordiamo che per l’assemblea straordinaria la delega è attribuibile a ciascun socio e per chi non riuscisse ad essere presente sarebbe buona cosa delegare.

Share
01 PM | 14 Apr

a Lecco corso di spiritualità ma solo se sey gay e ti astieni

omosessuali che devono praticare astinenza

Nei giorni scorsi la Aula Magna del Politecnico di Lecco, con il patrocinio di Regione Lombardia ed il contributo della Provincia di Lecco, ha ospitato il maestro spirituale Pier Franco Marcenaro, presidente del Centro Interreligioso Mondiale per una conferenza aperta a tutti.

Nella conferenza è stato presentato il corso di preparazione alla Meditazione Universale, le cui 12 Lezioni sono iniziate a Lecco in Sala Don Ticozzi oggi 14 aprile.

Per accedere al corso è ovviamente richiesto di sottoscrivere un “modulo di iscrizione e frequenza” accompagnato da una lettera di istruzione nella quale, sorprendentemente leggiamo, che non tutti possono iscriversi al corso. Due le categorie escluse: persone che usano psicofarmaci ed alcuni “tipi” di omosessuali.

La possibilità di “conoscere sé stessi e raggiungere la felicità” è, quindi, preclusa innanzitutto a delle persone che, solo per il fatto di fare uso di psicofarmaci, vengono additate come individui che hanno gravi malattie e grandi disordini in atto.

La seconda categoria esclusa dalla possibilità di “conoscere sé stessi e raggiungere la felicità” è composta dagli omosessuali, non tutti però. Alcuni omosessuali possono frequentare il corso, ma la condizione essenziale per loro è descritta dai seguenti termini: “solo se desiderano praticare il celibato perché in quanto è questa la condotta che permetterebbe loro un regolare progresso nella meditazione.”

Ma cosa intendono questi signori con “celibato”? Normalmente il termine è da sempre utilizzato per descrivere un uomo che non è sposato. Altra accezione è la condizione di un sacerdote che si astiene per scelta spirituale sia dalla pratica della sessualità sia dalla costruzione affettiva di una relazione interpersonale di coppia. Ci risulta curioso, ma anche poco chiaro, l’utilizzo di questo termine: possiamo ritenere che venga qui utilizzato per definire l’astinenza sessuale. Se così fosse, ci poniamo due questioni: perché tale pratica è richiesta esplicitamente solo agli omosessuali? La sessualità umana e la sua pratica sono un problema solo per gli omosessuali? A nostro parere, la proposta di questo corso sembra voler riproporre una visione umana che continua ad alimentare pregiudizi e condizioni retrograde dell’omosessualità.

Risulta altresì strano la proposizione di una costruzione di una personalità spirituale che ancora ripropone un dualismo fra anima e corpo, in cui la fisicità e la sessualità vengono ancora viste come qualcosa di negativo, ma in questo caso ancora solo per gli omosessuali.

Siamo anche preoccupati perché il corso in questione è stato presentato nell’aula Magna del Politecnico con Patrocinio di Regione Lombardia e contributo della Provincia di Lecco. Ci chiediamo se Politecnico e Provincia hanno valutato realmente i contenuti di questa iniziativa? Ci auguriamo che non ne condividano le basi ideologiche e, in quanto realtà pubbliche e laiche, prendano distanza da queste impostazioni discriminatorie e non scientifiche.

Share
01 PM | 23 Mar

proiezione del film Disobedience martedì 26 marzo

cineforum dinamo culturale lecco

Martedì 26 marzo ore 21 Spazio Teatro Invito via Ugo Foscolo 42 Lecco (zona Ospedale Manzoni)

Dinamo Culturale con Renzo e Lucio
proiezione del Film

“Disobedience”di Sebastián Lelio, Usa/Gran Bretagna/Irlanda, 2017, 114’
Ronit, figlia del rabbino capo della comunità ebraico ortodossa di Londra, torna da New York, dove vive da lungo tempo, nella capitale britannica per i funerali del genitore. Qui ritrova Dovid, studioso della Torah, ed Esti di cui era amica e scopre che i due ora si sono sposati. Tra Ronit ed Esti c’era stata un’attrazione che un tempo aveva creato turbamento nella comunità e che ora rischia di tornare ad accendersi.
Presentato al Toronto International Film Festival 2017.

Share